Cambio di passo: la logica dei numeri dice di “NO” a De Luca. Sicilia Futura probabile determinante per l’eventuale stop.

Il botta e risposta tra De Luca e Beppe Picciolo

Messina, 21 gennaio 2020

Ha stupito il Sindaco Cateno de Luca l’intervento del consigliere comunale in quota “Sicilia Futura”, Pietro La Tona. De Luca non si aspettava la chiusura netta che si è letta ieri pomeriggio durante il consiglio straordinario per la votazione del documento programmatico dell’Amministrazione denominato “Cambio di Passo”. Il Sindaco lo ha letto quasi come il risentimento “per un attacco personale” riferito all’ultima lettera inviata dal primo cittadino ai consiglieri. “Proprio il gruppo consiliare di Sicilia Futura non rientra nella schiera di quei consiglieri che non hanno sostenuto le delibere di questa amministrazione ” ha specificato De Luca in un filmato pubblicato sulla sua pagina Facebook.

Così nell’attesa di un “caffè chiarificatore” con il consigliere La Tona, De Luca ribadisce che “nessuno ha mai detto che quanto da noi proposto non possa essere discusso” e che “non ho nessun interesse ad andare a nuove elezioni“. Ma il Sindaco ha lasciato chiaramente sottintendere che “non avrei nessun problema a sottopormi al giudizio degli elettori“. Forte dei primi risultati ottenuti per la città, De Luca tende la mano nuovamente al Consiglio Comunale, chiarendo, dunque, come sia necessario “che vi sia una linea programmatica netta e condivisa, al fine di ottenere risultati di cui avremo merito tutti, giunta, Sindaco e Consiglio” ha ribadito De Luca, “perché altrimenti staremmo qui a galleggiare, cosa che non mi si confà ed alla quale soluzione non ci sto!” ha sottolineato.

Pertanto si attenderà ancora fino a mercoledì, probabilmente termine ultimo, perché giunga da parte del Consiglio il segnale di aver compreso che l’intenzione dichiarata da parte del Sindaco è quella di lavorare “insieme per la città, perché a me interessa solo quella”.

E poi l’invito a tutti i consiglieri di “rompere con gli schemi politici del passato che hanno sacrificato sull’altare degli interessi politici il futuro dei messinesi. Se qualcuno mi chiede di entrare in Giunta altrimenti non ti voto, la mia risposta sarà sempre che non svenderò mai la mia linea programmatica per andare incontro a queste richieste“. L’allusione del Sindaco è chiaramente riferita alla mancata designazione di un assessorato proprio allo schieramento di Sicilia Futura e la stoccata più grossa è riferita proprio a Beppe Picciolo, che rappresenta politicamente il gruppo. Parole pesanti quelle di De Luca che parla di “bava alla bocca di chi è rimasto fuori e si accontenterebbe anche di un posto di sotto scala“. Pronta la risposta di Beppe Picciolo “con me De Luca struzza duro“.

Tutto è ancora in gioco e si deciderà mercoledì, quando in aula andranno in discussione non solo la linea programmatica di De Luca e del Salva Messina, ma quanto potrebbe accadere se non si troverà la quadra: commissariamento e nuove elezioni, insomma un inopportuno blocco delle attività intraprese per salvare Messina dal dissesto e per rilanciarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *