La Sicilia in tempo reale

 

Sostegno ai Teatri siciliani: l’assessore regionale Messina firma un decreto da 4,8 milioni

29 Dic 2020

Sono circa 100 i beneficiari del decreto firmato dall’assessore regionale al Turismo, sport, spettacolo, Manlio Messina, che stanzia 4,8 milioni di euro per le misure di sostegno ai teatri comunali, privati e legati ad associazioni e fondazioni in Sicilia. Adesso si apre la verifica documentale per i beneficiari ammessi. 

Tra i beneficiari ammessi c’è il  Teatro Impero di Marsala 97.168 euro; Teatro Selinus di Castevetrano 50.494; Teatro Garibaldi di Avola 36.952; Sala Vittorio De Seta dei cantieri Culturali alla Zisa di Palermo 80.392; Teatro Garibaldi di Enna 51.491; Teatro Auditorium Augusta 48.169; Auditorium Attilio Del Buono di Rosolini 66.938; Teatro Sociale di Canicattì 49.830; il Comune di Novara di Sicilia – Teatro Comunale Riccardo Casalaina per 41.192, 80; l’Associazione Culturale Filokalon – Patti – Cine Teatro Comunale Beniamino Joppolo con 49.830,00; l’Associazione Culturale Ricreativa Agorà di Sant’Agata di Militello – Cineteatro Aurora con 64.779,00; l’Associazione Culturale Sikilia – Santa Teresa di Riva – Teatro Val d’Agrò per 31.140,00 euro; l’associazione Green Bug di Patti – Centro Socio Culturale Don Pino Puglisi con 64.446,80; il Comune di Gioiosa Marea – Auditorium Comunale Franco Borà con 45.179,20.

Nell’arco di circa tre settimane, come governo Musumeci e grazie alla sensibilità dei deputati dell’Ars, diamo una risposta al mondo del teatro – spiega Manlio Messina – interveniamo a sostegno di attività culturali legate al teatro, anche queste particolarmente colpite dalla pandemia e da mesi in grandissima crisi. Abbiamo speso tutte le risorse disponibili incrementando la dotazione di oltre il 65% al fine di dare la possibilità a tutti i teatri, pubblici e privati, di progettare per tempo la prossima stagione avendo fondi sui quali poter contare per proseguire in futuro l’attività. Ci auguriamo di poter intervenire nel 2021 anche per il resto della filiera e quindi penso ai service, attori e registi e alle maestranze che rendono possibili gli spettacoli. Ringrazio gli uffici dell’assessorato che in tempi record, con grande senso di responsabilità, hanno provveduto ad esaminare i documenti per arrivare alla definizione degli assegnatari” conclude l’assessore.

 

Share Post
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: