Pfizer annuncia l’efficacia del secondo vaccino: Ma OMS annuncia nel 2021 vaccini non per tutti

FONTE AGI

Un secondo vaccino sperimentale contro il coronavirus testato da Pfizer Inc e dal suo partner tedesco BioNTech SE ha mostrato risultati promettenti. Le due società hanno riferito che il siero ha prodotto nei volontari tanti anticorpi quanti ne ha fatti il primo, ma ha avuto molti meno effetti collaterali. I risultati, pubblicati sul New England Journal of Medicine, hanno mostrato che il primo vaccino aveva maggiori probabilità di causare dolore al sito di iniezione, febbre, affaticamento e brividi rispetto al secondo siero. Il secondo vaccino è stato anche meglio tollerato dai partecipanti anziani.

Questi risultati arrivano dopo che la Pfizer ha annunciato di voler arruolare partecipanti già dall’età di 12 anni nel suo ampio studio sul vaccino Covid-19 in fase avanzata per capire come funziona l’immunizzazione in un gruppo di persone di età più giovane. Ogni candidato vaccino di Pfizer e BioNTech utilizza parte del codice genetico del patogeno, chiamato mRNA, per indurre il corpo a riconoscere il coronavirus e ad attaccarlo se una persona viene infettata. Nel primo vaccino, BNT162b1 (B1), l’mRNA codifica per parte della proteina che il virus utilizza per entrare e infettare le cellule umane.

Per il secondo vaccino, BNT162b2 (B2), l’mRNA codifica per tutta la proteina, chiamata “Spike”. Nello studio randomizzato e controllato con placebo, i ricercatori hanno testato una dose bassa pari a 10 microgrammi (g), una dose media a 20 g e una dose alta a 30 g. Un totale di 195 partecipanti sono stati suddivisi in gruppi di 15 ciascuno in cui hanno ricevuto due dosi a 21 giorni di distanza di 10 g, 20 g o 30 g o un placebo. Circa il 77 per cento dei giovani di età compresa tra i 18 ei 55 anni e l’80 per cento degli adulti di età compresa tra 65 e 85 anni che hanno ricevuto B1 hanno riportato reazioni da lievi a moderate. L’effetto indesiderato più comune è stato il dolore al sito di iniezione entro sette giorni dall’inoculazione.

Alcuni partecipanti hanno anche riferito arrossamento e gonfiore, in particolare dopo la dose di 30 g. Il 75 per cento dei giovani di età compresa tra i 18 e i 55 anni e il 55 per cento delle persone tra i 65 e gli 85 anni hanno riferito reazioni avverse a B2. Alcuni nel gruppo più giovane hanno riportato arrossamento o gonfiore dopo la prima dose di B2, ma nessuno lo ha fatto dopo la seconda. Nessuno del gruppo più anziano ha presentato arrossamento o gonfiore dopo entrambe le dosi, ma solo dolore al sito di iniezione. Inoltre, i ricercatori hanno notato che il vaccino B1 aveva maggiori probabilità di indurre effetti collaterali come febbre, affaticamento e brividi, rispetto a B2.

“Eventi sistemici (affaticamento, mal di testa, brividi, dolori muscolari e pitture articolari) sono stati segnalati in un piccolo numero di destinatari più giovani di B2, ma con questo candidato vaccino non sono stati segnalati eventi sistemici gravi in soggetti anziani”, hanno scritto gli autori. Nessun volontario in nessun gruppo ha sperimentato eventi di “grado 4”, che sono spesso pericolosi per la vita o richiedono il ricovero in ospedale. Il team afferma che i livelli di anticorpi erano simili tra i pazienti che hanno ricevuto il vaccino B1 o B2. I livelli di anticorpi IgG, che si legano al virus, e gli anticorpi neutralizzanti sono aumentati dalla seconda dose nei partecipanti più giovani, ma meno nei partecipanti più anziani.Tuttavia, secondo lo studio, i livelli erano ancora più alti di quelli osservati nei pazienti guariti.

Il mese scorso, Pfizer ha annunciato che stava allargando la sua sperimentazione per includere fino a 44mila partecipanti, un aumento di 30mila, e per includere persone con HIV, epatite C ed epatite B. A partire da lunedì, quasi 38mila persone si sono iscritte ai test in quattro paesi diversi, inclusi gli Stati Uniti. I risultati della Pfizer arrivano anche quando diversi produttori di farmaci hanno sospeso i propri studi sui vaccini contro il coronavirus in fase avanzata, come la Johnson & Johnson. Quest’ultima ha interrotto i test a causa di una “malattia inspiegabile” in un partecipante, i cui dettagli non sono chiari.

Nel frattempo, il braccio statunitense della sperimentazione del vaccino dell’Università di Oxford e AstraZeneca è stato sospeso dal mese scorso, sebbene i test siano ripresi in tutti gli altri siti. Inoltre, Eli Lilly ha annunciato mercoledì che continuerà a testare i suoi farmaci anticorpali contro il coronavirus dopo aver sospeso almeno un test a causa di “potenziali problemi di sicurezza”. 

OMS: VACCINI PER I GIOVANI SOLO DAL 2022

 I giovani dovranno attendere fino al 2022 per ricevere un vaccino contro il Covid-19 poiché la produzione iniziale dovrà essere assegnata in via prioritaria ai gruppi a più alto rischio. Lo ha dichiarato il capo scienziato dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Soumya Swaminathan.

“La gente pensa che il primo gennaio ci sarà un vaccino e che le cose torneranno alla normalità, ma le cose non saranno così. Nessuno ha mai prodotto vaccini nei volumi che saranno necessari, quindi nel 2021 speriamo di avere vaccini, ma in una quantità limitata”, ha chiarito. C’è un chiaro consenso sul fatto che i primi vaccinati saranno gli operatori sanitari che sono in prima linea nella lotta alla pandemia e che poi toccherà agli anziani e alle persone più vulnerabili. “Una persona giovane e sana dovrà aspettare fino al 2022 per essere vaccinata”, ha detto la scienziata.

Una decina di potenziali vaccini è attualmente in sperimentazione clinica di fase 3; in altre parole, vengono inoculati in gruppi di circa 30 mila persone in luoghi in cui il coronavirus continua a circolare intensamente. Questa fase degli studi clinici viene utilizzata per verificare l’efficacia del vaccino ed escludere gravi effetti collaterali. In totale, quaranta sperimentazioni di vaccini sono in una delle tre fasi di sperimentazione clinica e 200 sono in test di laboratorio, che è un chiaro indicatore dell’interesse che il settore farmaceutico e biotecnologico ha nel trovare la giusta formula.

“Fino a quando non avremo i risultati della fase 3 non sapremo quali e quanti di questi vaccini saranno sicuri, efficaci e proteggeranno per un lungo periodo”, ha detto Swaminathan. La rappresentante dell’Oms ha anticipato che questi risultati potrebbero essere pronti all’inizio del prossimo anno, dopodiché dovranno essere rispettati i regolamenti per l’approvazione di uno o più vaccini. 

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: