Messina, movida senza mascherina né controlli. Rischio contagio per le famiglie

 

Dopo il cambio al “vertice” della Polizia Municipale e con il subentro all’assessore Dafne Musolino dell’impegnatissimo sindaco di Messina, Cateno De Luca, la movida messinese appare nuovamente senza controlli e quasi “ignara” dell’emergenza covid che sta riaccendendosi in tutta Italia. Un ricordo le pattuglie di controllo dei locali e del rispetto anti coronavirus. Così assembramenti ed inosservanza dell’uso della mascherina sta diventando norma diffusa. E poi ci sono le “consuete” abbuffate di alcol che non hanno mai lasciato la città dello Stretto. Con un aggravante in più: il diffuso mancato rispetto dell’orario di chiusura e del limite di diffusione della musica. I residenti del centro infatti indicano per le ore 5.00 la fine delle “attività”. Con il dovuto rispetto per il diritto alla ripresa economica, non può, però, essere tollerato il mancato rispetto di quanto prescritto come una difesa dalla diffusione del virus, che è ancora presente e che farà certamente sentire la sua esistenza nei prossimi mesi. Non è tollerabile che tanti giovani che da oggi ritorneranno a scuola non osservino l’uso della mascherina e del divieto di assembramenti. Il rischio contagio verrà così ribaltato di fatto sugli istituti scolastici, per poi ricadere in famiglia.

Share Post
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: