Migranti – Gli effetti dell’ordinanza di Musumeci in attesa dell’impugnazione del Consiglio dei Ministri

“Entro le 24 di domani tutti i migranti presenti negli hot-spot e in ogni centro di accoglienza della Sicilia dovranno essere improrogabilmente trasferiti in strutture fuori dall’isola”. E’ quanto prevede l’ordinanza firmata nella notte dal Governatore siciliano Nello Musumeci.
“La misura è stata presa – chiarisce Musumeci – perché “allo stato non è possibile garantire la permanenza nell’Isola nel rispetto delle misure sanitarie di prevenzione del contagio”. “La Regione Siciliana, mediante le A.S.P. territorialmente competenti, – si legge nell’ordinanza – mette a disposizione delle autorità nazionali il personale necessario ai controlli sanitari per consentire il trasferimento dei migranti in sicurezza”.

Trentatré pagine firmate da Musumeci che dispongono inoltre che “al fine di tutelare e garantire la salute e la incolumità pubblica, in mancanza di strutture idonee di accoglienza, è fatto divieto di ingresso, transito e sosta nel territorio della Regione Siciliana da parte di ogni migrante che raggiunga le coste siciliane con imbarcazioni di grandi e piccole dimensioni, comprese quelle delle O.N.G.” “La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente ordinanza comporta le conseguenze sanzionatorie previste dalla legge vigente”, conclude.
L’Ordinanza emanata dal Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci  prevede che entro domani tutti i migranti presenti nelle strutture di accoglienza siciliane debbano essere trasferiti fuori dalla regione e vieta l’ingresso, il transito e la sosta nel territorio dell’isola ad ogni migrante che la raggiunge con qualsiasi tipo di imbarcazione. Un’ordinanza che però secondo qualcuno “odora di populismo istituzionale” perché, come dichiarato dallo stesso, non potrà che essere impugnata dal Consiglio dei Ministri. il Presidente della Regione Siciliana ha il diritto di partecipare alle sedute del Consiglio dei Ministri, con il medesimo rango di ministro, qualora vengano trattate materie di suo interesse, ma certamente non può andare oltre le sue competenze.
Ma la domanda è come mai non lo ha fatto finora? Insomma perché proprio adesso?

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: