La Polizia Municipale individua quindici case di riposo non iscritte nell’elenco regionale obbligatorio

È in corso da parte della polizia specialistica diretta dal comandante vicario Commissario Giovanni Giardina una attività di indagine finalizzata a verificare il possesso dei requisiti delle strutture cittadine che ospitano anziani. Queste strutture che sono, a seconda dell’attività svolta definite case di accoglienza (se l’attività ricettiva è prettamente di ospitalità) e case di riposo per anziani (che per i requisiti richiesti sono di fatto simili a RSA-residenze sanitarie assistenziali ).

La differenza tra le due strutture è sostanziale in quanto nelle seconde sono richieste caratteristiche strutturali e di personale sanitario tale da garantire l’assistenza di persone anziane anche non autosufficienti e con necessità di cure sanitarie di primo livello (ossia con patologie degenerative dovute all’età che portano alla necessità di una costante sorveglianza e assistenza ).

L’attività in corso da parte della polizia locale, effettuata attraverso controlli incrociati con i dipartimenti comunali e regionali e l’acquisizione di documentazione presso le strutture ricettive ha evidenziato che una quindicina di attività non sono iscritte all’elenco regionale o locale richiesto.

Il compito ora della polizia specialistica sarà quello di verificare il copioso incartato acquisito dal quale dovrà emergere se la mancata iscrizione sia dovuta a carenze di requisiti o documentali oppure a mere formalità burocratiche in atto presso gli uffici del dipartimento servizio alla persona e alle imprese. In quest’ultimo caso sarà richiesto il completamento celere dell’iter autorizzativo agli uffici mentre nel primo caso saranno valutate singolarmente le inadempienze con diffide alla regolamentazione laddove possibile e con richieste di inibizione dell’attività ove i requisiti posseduti non siano compatibili con l’attività svolta. In entrambi i casi si procederà con quanto previsto dall’articolo 86 del tulps in materia ricettiva e ai sensi della legge 287/91 e D.L. 209/2006 in materia igiene e somministrazione alimenti. Oltre a pesanti sanzioni che posso raggiungere anche i 10.000 euro si procederà all’avvio della sospensione della attività non escludendo altresì segnalazioni alla AG per comprovate violazioni penali.

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: