CSA: “STABILI COMUNALI NON A NORMA ! RISCHIO COVID DA NON SOTTOVALUTARE”

Comunicato Stampa CSA – Santino Paladino

Anche il Comune di Messina si appresta ad adottare un “Protocollo condiviso per la prevenzione del rischio contagio da COVID 19”.

Si è svolta nella mattinata di ieri la riunione convocata dal Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione, Arch. Antonella Cutroneo, per l’esame con le rappresentanze sindacali e i rappresentanti per la sicurezza del documento che conterrà le linee guida cui tutti i Dirigenti dovranno adeguarsi.

Per il CSA è stata l’occasione per rappresentare lo stato di degrado in cui versano alcuni stabili destinati ad uffici e a ricevimento di pubblico.

Fra le fattispecie più eclatanti per le quali il CSA ha richiesto immediati interventi, vengono segnalati:

  • Servizi igienici in pessime condizioni, ospitati in locali angusti ed inadeguati alcuni dei quali senza finestra o aspiratore sia presso lo stabile che ospita l’Ufficio Tributi sul Viale San Martino che presso lo stabile del Dipartimento Urbanistica (ex Corelli);
  • Il degrado dei servizi igienici di alcuni cimiteri sub urbani;
  • La presenza di eternit presso l’is. 88 di Viale San Martino e il cattivo stato di manutenzione strutturale dello stesso stabile.

Il CSA ha chiesto l’immediata chiusura di tutti gli uffici ove si registra la mancanza di acqua nei servizi igienici, sottolineando che, in un momento in cui la curva dei contagi sembra “rialzare la cresta”, occorre porre la massima attenzione verso tutti i fattori di rischio soprattutto in locali ove è previsto l’accesso di pubblico.

L’Arch. Cutroneo  ha garantito immediati interventi a tutela della salute dei dipendenti e dell’utenza pur sottolineando che la materia della sicurezza sconta atavici ritardi e carenze di personale dedicato e risorse finanziarie.

Post Tags
Share Post
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: