Stretto di Messina: l’ordinanza 105 “tiene” la prova sul campo. Registratosi il 97% degli arrivi

Messina, 8 aprile 2020

Cos’è meglio non avere contezza di ciò che accade o averne anche se con un sistema da migliorare? La risposta l’ha data il Sindaco di Messina, Cateno De Luca, con tanto di mascherina “personalizzata” con il suo nome e cognome, con il quale dalle 6:15 di stamane abbiamo seguito la prova della messa in pratica dell’ordinanza n. 105, denominata “si passa a condizione“, quella cioè che impone la registrazione almeno 48 ore prima del traghettamento a Messina. Quella per intenderci che aveva molto preoccupato alcuni sindaci rivelatisi oggi poco lungimiranti, della provincia di Messina e che avevano dissentito, come Taormina e Milazzo. Adesso è il momento della prova del 9 su quel tanto che si è potuto fare in poco tempo e con poche risorse anche di personale. E la messa alla prova ha dimostrato che il sistema ideato dal sindaco di Messina “tiene” e non ha creato alcun disagio in termini di allungamento dei tempi negli sbarchi. Il vantaggio: ogni passeggero ed ogni pendolare è adesso stato tracciato.

Il Sindaco di Messina è giunto con un importante spiegamento di forze del Corpo di Polizia Municipale che si sono perfettamente affiancate con Polizia di Stato, Carabinieri, Esercito, Guardia di Finanza e Guardia Costiera. Unitamente ai medici dell’ASP presenti sia alla Rada San Francesco che allo scalo Blu Ferries.

Numeri quelli rilevati dall’assessore Dafne Musolino e dall’esperto del Sindaco, ingegnere Cicala, anche loro presenti, che hanno rispettato la tendenza delle altre navi e mezzi veloci di tutti i giorni: 23 auto sulla nave delle 6:20 e con circa 70 passeggeri. Tra loro la maggior parte pendolari, ma anche qualcuno che faceva rientro al proprio paese d’origine o che si spostava per motivi sanitari. Situazione replicata anche sulla nave delle 8:20 e sul mezzo veloce di Blu Ferries. Sul totale dei traghettati ben il 97% si era registrato, pur se con qualche difficoltà: codice di autorizzazione non arrivato per tempo, qualche procedura non andata a buon fine per motivi tecnici. “Oggi e fino a sabato useremo assoluta flessibilità” ha detto il sindaco De Luca, “stiamo portando a regime un sistema che aveva preoccupato in molti e che invece non ha procurato nessun blocco, come si temeva. Dalla prossima settimana però l’ordinanza verrà applicata in modo rigido” . Ad oggi sono circa 3.000 le richieste di traghettamento registrate.

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: