Coronavirus, nuova ordinanza governativa che dispone la comunicazione degli spostamenti, Sindaco De Luca (Messina): “Meglio tardi che mai, recepita la nostra soluzione mediante un sistema di registrazione”

Messina, 28 marzo 2020

Messina, 28/03/2020: E’ di poche ore fa l’Ordinanza del Ministro della Salute di concerto con il Ministro delle Infrastrutture Trasporti con la quale vengono imposte nuove misure che prevedono che chiunque intende fare ingresso nel territorio nazionale, tramite trasporto di linea aereo, marittimo, lacuale, ferroviario o terrestre, è tenuto a dichiarare i motivi del viaggio (spostamenti motivati per ragioni di salute, lavoro o di necessità), a fornire l’indirizzo completo dell’abitazione o dimora dove sarà svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario, nonché un recapito telefonico anche mobile sul quale ricevere le comunicazioni durante l’intero periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario.

“Accogliamo con piacere questa nuova Ordinanza ministeriale, con la quale è stata sostanzialmente recepita la soluzione che noi avevamo proposto al Ministro deiTrasporti con la nostra nota 80274 del 25 marzo 2020 con la quale avevamo proposto al Prefetto ed ai Ministri l’adozione di un sistema di registrazione dei passeggeri dello Stretto, mediante acquisizione delle dichiarazioni in merito alla località di destinazione con indicazione da parte dei detti soggetti della località precisa in cui andrebbero a trascorrere il periodo di isolamento e impegno, da parte del Comune, a contattare i Sindaci delle varie località di destinazione per informarli dell’arrivo dei passeggeri e consentire gli adempimenti previsti dalla legge (vigilanza/monitoraggio sanitario nel periodo d’isolamento che dovrà essere trascorso secondo le disposizioni di cui all’Ordinanza del Presidente della Regione Siciliana n. 7 del 19 marzo 2020)”. A riferirlo è il Sindaco di Messina, on. Cateno De Luca.

“La soluzione che noi abbiamo proposto – continua il Primo cittadino –  e sulla quale stiamo lavorando proprio in queste ore, è stata recepita integralmente dal Governo nelle misure di contenimento del contagio dettate per chiunque intende fare ingresso nel territorio nazionale. Ciò che maggiormente merita di essere rimarcato è che il Governo, con detta Ordinanza, impone finalmente ai vettori e armatori dei precisi doveri, fra i quali spicca l’obbligo di provvedere alla misurazione della temperatura e di acquisire e verificare prima dell’imbarco la documentazione che i passeggeri devono esibire, indicando le ragioni del viaggio e la destinazione dello stesso con indirizzo completo del luogo in cui intendono trascorrere l’isolamento fiduciario, vietando l’imbarco nel caso in cui i passeggeri presentino uno stato febbrile o nel caso in cui la documentazione non sia completa.In poche parole, il Governo ha recepito, direi pedissequamente, la soluzione che il Comune di Messina aveva proposto già con nota del 25 marzo 2020 per il monitoraggio dell’attraversamento dello Stretto e che costituisce oggetto dell’Ordinanza n. 80 del 26 marzo 2020. Con la predetta Ordinanza ministeriale vengono certamente meno tutti i dubbi e le perplessità di carattere giuridico che le società di navigazione dello Stretto hanno sollevato in questi giorni in merito all’ottemperanza della nostra Ordinanza perché adesso è chiaro che non possono limitarsi a staccare i biglietti di viaggio trasportando chiunque si presenti all’imbarco”.

“Ci auguriamo – conclude il Sindaco Peloritano – che questo stesso dovere venga esteso, come da noi disposto con l’Ordinanza n. 80, anche ai vettori dello Stretto, e per questa ragione, proprio per dimostrare che l’Amministrazione comunale si è attivata fin dall’inizio per trovare soluzioni e non per sollevare problemi, abbiamo chiesto al Prefetto di farsi autorevole interprete delle esigenze del territorio, convocando un tavolo con le autorità locali e rappresentando le nostre argomentazioni al Ministro della Salute ed a quello dei Trasporti. Sarebbe davvero inspiegabile se, dopo avere introdotto queste misure per l’ingresso in Italia, si fingesse adesso di non comprendere che anche lo Stretto di Messina presenta le stesse criticità per le quali è stata emanata l’Ordinanza interministeriale del 28 marzo 2020.

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: