CSA – COMUNE DI MESSINA: CONDANNATO PER LA SECONDA VOLTA ! TRASFERIMENTI ILLEGGITTIMI 2° ATTO

Messina, 25 febbraio 2020

Seconda sentenza di condanna per comportamento antisindacale per il Comune di Messina.

Dopo quella di sabato, riguardante un dirigente della UIL, anche  il Giudice del Lavoro, Dott.ssa Graziella Bellino, ha giudicato illegittimo il trasferimento di un dirigente sindacale del CSA operato senza il preventivo nulla osta del sindacato, che in giudizio è stato rappresentato dall’Avv. Francesco Amalfa.

            Il Comune, difeso dall’Avv. Raffaele Tommasini, oltre alla revoca del provvedimento, adottato a suo tempo dal Segretario Direttore Generale, Dott.ssa Carrubba, è stato  condannato al pagamento delle spese processuali (2.390,00 euro oltre iva, cpa e spese generali) alle quali vanno aggiunte le somme destinate al patrocinio legale dell’ente.

            Una spesa per le casse pubbliche che palazzo Zanca poteva evitare con un po’ di buon senso: il CSA aveva infatti preliminarmente invitato il Direttore Generale al rispetto della normativa (peraltro anche in considerazione delle precarie condizioni di salute della  dipendente in questione)  vedendosi però costretto ad adire le vie giudiziarie a causa dell’irremovibilità della stessa Dott.ssa Carrubba.

            “Quando si è costretti a ricorrere al  Tribunale per la difesa di diritti dei dipendenti e del sindacato – commenta il Segretario Provinciale del CSA, Piero Fotia –  a rimetterci è comunque tutto il sistema delle relazioni sindacali che, dopo questa sentenza speriamo possa tornare sui binari corretti”.

LA SENTENZA:

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: