Coronavirus e strutture: Camere isolamento a pressione negativa, a Messina sono TRE. Sono 63 in Sicilia.

Messina, 24 febbraio 2020

L’importanza della disponibilità delle camere a pressione negativa si estrinseca nel momento in cui è necessario un isolamento sicuro del paziente anche in fase di sospetto di contagio. Il funzionamento a pressione negativa garantisce il biocontenimento in fasi epidemiche iniziali o fasi sospette. Il sistema è in grado di proteggere gli operatori di assistenza e la collettività, isolando il caso non appena la malattia è sospetta e ancor prima che costituisca un concreto rischio infettivologico per la struttura ospedaliera. Dunque un presidio importantissimo in casi di emergenza epidemiologica come quello che stiamo vivendo a livello nazionale. Mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità fa sapere che “è necessario preparasi ad una probabile diffusione pandemiologica del virus”, e mentre si scoprono casi del ceppo virale dell’H1N1, la febbre suina, che non è mai scomparsa dalla circolazione, la domanda deve porsi sulla sufficienza delle strutture a disposizione sul territorio nazionale per isolare gli eventuali casi sospetti o conclamati di Coronavirus. E le stanze a pressione negativa sono la soluzione migliore. Una segnalazione questa che oggi è stata rappresentata anche al tavolo tecnico del Comune di Messina che ha affrontato le misure di precauzione da intraprendere.

Il sistema di intervento e di gestione dell’emergenza epidemiologica attualmente adottato è simile a quello previsto per l’EBOLA che si adotta negli sbarchi di migranti. In tutto sono 63 le stanze di biocontenimento a pressione negativa, per i pazienti già contagiati, e sono due le aree di quarantena pronte nei due poli dell’Isola; due gli hub di primo intervento per il trasporto di malati ad alto isolamento locati negli ospedali Garibaldi di Catania e Cervello di Palermo; mentre i tamponi per gli esami, sono immediatamente analizzati nei laboratori dei Policlinici di Catania e Messina e che già avrebbero dato una risposta negativa su venti ammalati sospetti. La geografia della disponibilità delle camere a pressione negativa sul territorio siciliano è la seguente:

Sono 24 a Catania (Garibaldi, Vittorio Emanuele, Cannizzaro); dodici al Gravina di Caltagirone; nove a Palermo (Policlinico, Cervello e Ismett); cinque all’Umberto I di Enna; quattro all’ospedale Maggiore di Modica, tre al Policlinico di Messina, due all’Umberto I di Siracusa e al Sant’Elia di Caltanissetta; una ciascuna al Sant’Antonio Abate di Trapani e al Vittorio Emanuele di Castelvetrano. Poi ci sono quelle strutture provvisorie che possono essere montate come le tende per il biocontenimento.

Biocnotenimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp con noi