Messina, 10 dicembre

“La mancata depurazione depurazione dello sversamento dei liquami a Tono è costata 5.808.800 euro dal 2012 ad oggi” lo scrive il Sindaco Cateno De Luca in missione a Palermo. “una storia che ha dell’incredibile, con un finanziamento che poteva già da anni mitigare gli impatti della mancata depurazione ed interrompere l’incremento giornaliero della sanzione che ogni giorno, a partire dal luglio 2012, viene sommata ed inflitta ai cittadini messinesi per la mancata collettazione e depurazione dei reflui per circa 40.,000 abitanti equivalenti. Essendo trascorsi 2630 giorni e calcolando la sanzione si può tranquillamente dichiarare che:

2740 giorni X 0.053 (per ogni abitante per ogni giorno) € X 40.000 = euro 5.808.800,00 sino alla data odierna saranno a carico dei messinesi.”

Ma la buona notizia è che sarebbe stato messo un punto a questo sperpero di risorse dei messinesi: “La conferenza di oggi, sollecitata ed ottenuta da questa amministrazione, ha messo un punto alla progettazione definendo la non necessarietà di procedure ambientali sulla localizzazione mentre è tutto pronto per la Valutazione d’impatto ambientale che verrà pubblicata a fine dicembre. Si potrà quindi avviare la conferenza dei servizi per l’approvazione della progettazione esecutiva e procedere con l’appalto dei lavori. Abbiamo anche stilato un cronoprogramma che prevede 5 mesi per la VIA, 2 mesi per l’approvazione del progetto e 6 per l’aggiudicazione dei lavori; la durata dei lavori è di 18 mesi circa; nel 2021, quindi, si aprirà il cantiere! Definito anche un protocollo tra il Comune di Messina ed il Commissario che prevede l’avvalimento . di personale del Comune di Messina per la fase di esproprio e, sopratutto, per la fase di direzione dei lavori risparmiando tempo per le relative fasi di affidamento dei servizi“.

Leave a Reply

  • (not be published)