Via Gelone: cantiere Open Fiber danneggia condotta AMAM, chiude acqua a cittadini e se ne va. Interruzione di pubblico servizio.

Invaso arbitrariamente anche stallo personale disabili. Donna costretta non poter parcheggiare vicino alla propria abitazione

Messina, 7 settembre 2019

In via Gelone sono in corso i lavori di posatura della fibra da parte di ditte incaricate dalla Open Fiber, vincitrice dell’appalto per la città di Messina. Le polemiche circa la gestione di questi cantieri molto invasivi per la cittadinanza sono state fino ad oggi tante, ma quanto è accaduto stamattina ha dell’incredibile. La ditta incaricata dei lavori infatti avrebbe rotto una conduttura dell’AMAM posta sottto l’asfalto della strada. Sembrerebbe che invece di allertare l’AMAM abbia arbitrariamente chiuso la mandata d’acqua per evitarne la fuoriuscita e per poter così richiudere l’asfalto sopra la condotta. Un comportamento che qualcuno dei residenti ha definito “criminale”, in quanto la chiusura arbitraria della mandata d’acqua ha lasciato senza approvvigionamento idrico tutti gli abitanti di Via Gelone, che hanno provato a riaprirla. La riapertura ha determinato la fuoriuscita dell’acqua dalla condotta rotta ormai, però, interrata. E’ così dovuta intervenire l’AMAM che sta rirpistinando il danno subito e non dichiarato. “Un comportamento che non è il primo. In tutta la città stiamo intervenendo per danni simili. Si tratta di interruzione di pubblico servizio” dichiara uno dei tecnici Amam intervenuti. A questo punto l’AMAM provvederà a produrre una relazione formale alla Opne Fiber per uno stato di cose che è divenuto intollerabile. Ma c’è di più: nelle foto che ci ha inviato il consigliere di Circoscrizione Dino Smedile si evince come la ditta in questione non ha avuto alcuna remora a posizionare un proprio scarrabile proprio su uno stallo personale disabili. “La signora proprietaria dello stallo, dice Smedile, ha una disabilità gravissima e non può deambulare. E’ così costretta ogni giorno a parcheggiare lontano dalla propria abitazione e con grandissime difficoltà deve raggiungere la propria casa facendosi aiutare”. Lo scarrabile peraltro oggi è pieno e dunque poteva essere tranquillamente pooprtato via per essere svuotato. Speriamo davvero che un lavoro così importante e di sviluppo per la cittadinanza come la posatura della fibra ottica, non diventi più causa di difficoltà e disagi gravissimi come quelli segnalati oggi.

Post Tags
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: