Spadafora: rendiconto 2017, Pistone “un milione e 400 mila euro il disavanzo. Il sindaco venga a riferire in Consiglio”

Spadafora, 7 agosto 2019

La Giunta comunale ha approvato oggi il bilancio consuntivo relativo all’esercizio finanziario 2017. Emergerebbero debiti per oltre 1 milione e 400 mila euro. Almeno secondo quanto dichiarato oggi dal responsabile dell”area economico finanziaria del Comune di Spadafora. “E’ un dato sconfortante ma che non mi sorprende” dichiara Lillo Pistone consigliere comunale del gruppo d’opposizione “in campagna elettorale avevo detto che doveva farsi chiarezza sui conti ed era la prima cosa che doveva fare la nuova amministrazione, peraltro in larga parte composta da elementi della precedente governance, non appena insediata per poi tempestivamente e responsabilmente comunicarlo alla popolazione, ma i dati che emergono finora sono stati tenuti all’interno del palazzo comunale. Solo grazie alla nostra pressante richiesta di informazioni siamo venuti a conoscenza dello stato sofferente dei conti del Comune di Spadafora che solo per il 2017 è di circa un milione e 400 mila euro di massa debitoria cui vanno aggiunti ulteriori 800 mila euro per il 2018“. Il consigliere Pistone si e’ infatti recato oggi presso il dirigente dell’area economico finanziaria, dottore Scarcella, proprio per avere lumi circa lo stato di approvazione in Giunta del rendiconto del 2017, ed ha cosi’ appreso l’enormità del dato debitorio. ‘‘Così si va verso il dissesto” dichiara Pistone ” quando dissi in campagna elettorale, che lo stato dei conti del Comune era in sofferenza, la candidata Tania Venuto, oggi sindaco, mi rispose che c’era una liquidita’ di oltre 700 mila euro. Dove sono questi soldi? E come mai finora l’amministrazione non ha parlato chiaro comunicando alla cittadinanza il loro ammontare? Ed ancora com’e’ composta la massa debitoria? Per sapere questo faremo un’accesso agli atti, ma nel frattempo riteniamo assolutamente urgente che il sindaco Venuto venga a riferire in Consiglio Comunale, anche perche’ dall’analisi dell’aggiornamento dell’inventario dei beni del Comune abbiamo riscontrato gravi discrepanze circa i valori attribuiti e dati da chiarire” ha concluso Pistone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *