La Sicilia in tempo reale

 

Spadafora: quelle strane “pietre nella scarpa” del Sindaco. Voci o realtà?

Spadafora (Me), 2 luglio 2019

“Il paese è piccolo e la gente mormora” dice un vecchio adagio. Ma ciò che in questo caso molti spadaforesi più che mormorare, dicono chiaro e tondo corrisponde a realtà? Vorremmo proprio sperare di no. Fatto sta che in molti in paese, a Spadafora, riferiscono di una frase che sarebbe stata proferita in più occasioni dal padre del sindaco Tania Venuto, frase che ha fatto quasi il giro del paese, fino ad arrivare alle orecchie del gruppo di opposizione del Consiglio Comunale, composto dai consiglieri Pistone, Giacobbo, Pinella Giacobbo e Giannone. “Mia figlia è stata eletta e adesso deve levarsi le pietre dalla scarpa!”, questa la frase riportata in modo non velato e drammaticamente palese da più spadaforesi.

Verità o semplici voci di malelingue? Vogliamo credere alla seconda ipotesi. Ed in questo caso siamo vicini al sindaco Venuto per l’incresciosa voce da cortile, più che da corridoio, che la infanga. Si perché sarebbe davvero increscioso e grave se il padre della sindaca, Andrea Venuto, avesse davvero detto quella frase. “Quali pietre dalla scarpa dovrebbe togliersi il sindaco?” si chiedono i consiglieri di minoranza. “Ma soprattutto come intenderebbe togliersele?” continuano a chiedersi. Riteniamo che sia necessario fare chiarezza e che il sindaco Venuto smentisca subito quanto serpeggia in paese, in modo chiaro e tondo e senza alcuna remora da parte di chi lo dichiara e che sarebbe anche pronto a dirlo mettendoci nome e cognome. Tania Venuto deve farlo, per il bene suo, per la sua credibilità e nell’interesse di Spadafora.

Share Post
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: