Messina. Inquinamento ambientale: sequestrata aerea demaniale in località Maregrosso. Undici persone indagate.

Messina, 17 giugno 2019

I militari della Compagnia Carabinieri di Messina Centro, congiuntamente a personale della Capitaneria di Porto di Messina, nel fine settimana, hanno dato esecuzione al provvedimento di sequestro preventivo, emesso dal G.I.P. presso il Tribunale di Messina, di un’area demaniale marittima in località Maregrosso di circa mq. 1400 e di alcuni  manufatti abusivi.

Il sequestro è stato emesso alla fine di una complessa indagine iniziata nel novembre 2017, coordinata da alcuni magistrati della Procura della Repubblica di Messina che si occupano di reati in materia ambientale, in relazione alla quale sono stati  anche  notificati  11 avvisi di conclusione delle indagini  preliminari.

Gli indagati sono esponenti della precedente amministrazione  comunale e  dirigenti   amministrativi comunali ai quali sono contestati , a vario titolo, i reati di rifiuto ed omissione di atti d’ufficio, l’attività di gestione di rifiuti non autorizzata, l’abusiva occupazione di spazio demaniale, la falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici.

L’area di Maregrosso, di grande impatto paesaggistico, che costituisce rilevante potenziale  turistico  per la città di Messina è stata, per  anni, ridotta  ad una discarica  a cielo  aperto  di materiale inerte.

Agli indagati vengono contestate diverse condotte che hanno contribuito al progressivo degrado dell’area. Nello specifico viene contestato il reato di rifiuto di atti d’ufficio, per aver omesso di utilizzare integralmente i fondi relativi a due finanziamenti, ammontanti ad un totale di 400.000 Euro, concessi dalla Regione Sicilia, ed ottenuti al fine di effettuare lavori di demolizione a seguito di violazioni edilizie comprese su demanio pubblico in località Maregrosso.

In entrambi i casi l’amministrazione comunale procedeva sistematicamente ad attivare presso la Regione Sicilia la procedura di riaccredito delle somme non utilizzate, omettendo di verificare la tempestiva e corretta trattazione del procedimento da parte del competente ufficio regionale, e rifiutava indebitamente di procedere all’utilizzo immediato del finanziamento concesso, necessario per ragioni di igiene e sanità, causando alla fine la perdita delle somme residue non utilizzate: 115.248 Euro per il primo finanziamento e 117.831 Euro per il secondo.

Congiuntamente ad alcuni pubblici amministratori  e funzionari, è stato coinvolto nell’indagine il titolare di una ditta operante nel settore dello smaltimento di rifiuti  sita all’interno dell’area di Maregrosso.

A quest’ultimo viene contestato di aver occupato abusivamente parte del demanio marittimo, per un totale di 1400 mq,  in quanto privo- dal 2011 – del titolo autorizzativo, scaduto ormai da molti anni e di avere continuato ad esercitare l’attività di scarico di rifiuti.   

Anche tale condotta  era notoria ma ciò nonostante, si è tollerato che la ditta  continuasse  a scaricare  materiale  di risulta  occupando un’area sempre maggiore.

Né, d’altra parte , i soggetti pubblici hanno impedito il deposito incontrollato e sistematico di rifiuti da parte di soggetti ignoti che  approfittavano  dello stato di abbandono dell’area, omettendo – ancora una volta – di rimuovere il materiale di risulta proveniente dalla demolizione di immobili abusivi e contribuendo con tale condotta a  mantenere una discarica abusiva all’interno dell’area.

Per  questi aspetti ,alla precedente Amministrazione viene anche contestato  di avere omesso indebitamente di attivare la procedura prevista dall’art. 192 del Testo Unico Ambientale (d.lvo 152/2006), al fine di effettuare la necessaria bonifica dell’area in danno dell’ente proprietario, ovvero la Regione Sicilia – Assessorato Regionale Territorio e Ambiente. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *