Aumentano del 4% i costi dei centri estivi per bambini

ROMA, 11 GIU – Le scuole stanno finendo e sono numerosi i genitori che si preparano ad organizzare le giornate dei propri figli mentre loro sono impegnati al lavoro. In attesa delle agognate vacanze, sono molti i ragazzi che frequenteranno i centri estivi. Ce n’è per tutti i gusti, dai corsi di lingua, a quelli di arte, ai corsi sportivi. La costante sono i costi. Anche quest’anno l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha effettuato il monitoraggio dei costi relativi a queste attività. Dai dati raccolti è emerso che il costo medio settimanale è pari a 168 euro per un centro estivo in una struttura privata (+4% rispetto al 2018). Il costo scende fino ad Euro 96 euro (+1% rispetto al 2018) per i ragazzi che frequenteranno il centro estivo solo mezza giornata (fino alle ore 14). Esiste inoltre, in alcuni casi, l’opzione del pranzo al sacco: portando pranzo e merenda da casa il costo della giornata si riduce a 74 euro a bambino (-1% rispetto al 2018). Per quanto riguarda, invece, il prezzo rilevato per i centri estivi organizzati in strutture pubbliche, il costo si aggira intorno ai 50 euro per metà giornata (invariato rispetto al 2018), e ai 81 euro per il tempo pieno (+4% rispetto al 2018). La differenza riscontrata tra pubblico e privato è dovuta a diversi fattori: oltre alle strutture che ospitano i bambini (che per i centri estivi pubblici sono perlopiù istituti scolastici) il costo varia notevolmente anche in base alla tipologia delle attività ludiche e socio-educative svolte. Questi i numeri rilevati da Federconsumatori su base mensile: – 672,00 Euro mensili per ogni bambino o ragazzo che frequenta strutture private – 324,00 Euro per chi frequenta quelle pubbliche. “Per molte famiglie si tratta di importi insostenibili”, osserva Federconsumatori che fa notare come per questo, all’insegna del risparmio, sono nate negli ultimi anni forme di condivisione e collaborazione: “tate condivise”, che accudiscono fino a 4 bambini; genitori che programmano a turno le ferie per prendersi cura dei propri figli e degli amichetti più stretti, senza contare l’aiuto spesso insostituibile dei nonni. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *