a

La Sicilia in tempo reale

 

Sciopero nazionale porti italiani il prossimo 23 maggio. Fermi anche Messina e Milazzo.

Messina , 18 maggio ’19 – Sciopero nazionale, il prossimo 23 maggio, in tutti i porti italiani. I lavoratori si fermeranno anche a Messina e Milazzo per manifestare a sostegno del Contratto collettivo di lavoro, per i diritti e contro il mancato dialogo con il governo.
“La portualità sta attraversando un momento di grande vulnerabilità – hanno commentato i tre segretari generali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti di Messina , Carmelo Garufi , Letterio D’Amico e Michele Barresi – Si sta cercando di destrutturare, pezzo dopo pezzo, l’attuale sistema regolatorio vigente nei porti. La mancata regia del Ministero Infrastrutture e Trasporti, sta generando divisioni e il rischio di restare alla mercé delle compagnie armatoriali.
Alcune di queste – continuano i tre segretari – si stanno organizzando per gestire in prima persona alcune operazioni di scarico e di servizi per le loro navi. Questo, inevitabilmente, può provocare ripercussioni occupazionali gravi, anche per l’area dello stretto e l’intera provincia, che abbiamo il dovere di scongiurare rapidamente .
Per questo diventa necessario il rinnovo del Contratto collettivo di lavoro, uno strumento fondamentale che potrà dare sicurezze e maggiori serenità a tutti i lavoratori portuali. Le categorie dei trasporti di Cgil Cisl e Uil hanno proclamato per il prossimo 23 maggio un’azione di sciopero in tutti i porti italiani – concludono Garufi , D’amico e Barresi – che avrà una forte valenza sul territorio messinese a preminente vocazione occupazionale marittima, al fine di rivendicare un contratto che sia in grado di ridare potere d’acquisto ai lavoratori e capace di rispondere alle esigenze della portualità.”

Share Post
Written by
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: