Messina, 27 maggio 2019 – di Giuseppe Bevacqua

Dafne Musolino con un comunicato stampa proveniente da un non meglio specificato “ufficio stampa di Cateno De Luca” esulta per essere “la donna più votata di Forza Italia (scusando il gioco di parole ndr.) in Italia“.

In effetti il risultato, come abbiamo già scritto, c’è tutto ed è innegabile guardando i numeri aggregati. Ma se il microscopio politico a scansione scende nel particolare ed ingrandisce il risultato su Messina, allora non c’è molto di cui stare allegri.

Ma leggiamo cosa scrive l’assessore Musolino per il tramite dell’ufficio stampa di De Luca: ” Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in me, a cominciare dagli elettori di Messina: 2 cittadini ogni 10 hanno votato Musolino, consentendomi di raggiungere un ambitissimo traguardo, di essere in assoluto la candidata più votata in città e nella provincia di Messina“.

Due cittadini su 10? A Messina hanno votato 69.714 votanti (35.833 uomini e 33.881 donne) . Se il rapporto di 2 su 10 è corretto la Musolino avrebbe dovuto prendere nella sola Messina città 13.943 (arrotondato per eccesso) voti. Risulterebbero invece 8.000 le preferenze ottenute a Messina città, con un totale di Messina e provincia di 24 mila preferenze.

Se confermati i dati la lettura dei dati elettorali su Messina darebbero un “polso” del consenso nei confronti del Sindaco De Luca, vero protagonista della campagna per le Europee, non lusinghiero. Su 70.000 votanti circa a Messina, lo avrebbero “votato” in soli 8.000. Un risultato ben lontano da quello della sua elezione alle ultime amministrative e che dovrebbe far scattare qualche campanello d’allarme nel politico De Luca e facendolo tornare immediatamente alla guida di una città dalla quale manca da mesi.

Leave a Reply

  • (not be published)