Messina Social City – ASSUNZIONI – “Rispettata la quota delle fasce protette?”, interrogazione del consigliere Mangano, M5S

Messina, 3 aprile 2019

Tra le criticità dell’operazione Messina Social City c’è anche quanto sollevato oggi con un’interrogazione urgente a risposta scritta formulata dal consigliere comunale Paolo Mangano, in quota Movimento 5 Stelle.

L’Azienda Speciale Messina Social City, infatti, sulla scorta dell’applicazione della Legge 68/99, che disciplina il diritto al lavoro dei disabili, è obbligata ad assumere una quota prefissata di persone con disabilità e di familiari degli orfani orfani e dei coniugi di coloro che siano deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio, nonché dei profughi rimpatriati e vittime del terrorismo. Sulla totalità dei 540 assunti, infatti, per corretta applicazione e rispetto della precitata legge Messina Social City dovrebbe avere, tra i 540, il 7% di persone disabili, pari a 38 assunti, e l’1% di persone che rientrano nelle fasce protette. E’ così? Lo dovrà spiegare e certificare il sindaco De Luca. Se così non fosse Messina Social City ha 30 giorni rimanenti, essendo 60 quelli totali previsti e facendo partire il conteggio dall’1 marzo, per mettersi in regola. Dunque entro il 2 maggio.

Ecco il testo dell’interrogazione del consigliere Mangano:

INTERROGAZIONE URGENTE CON RISPOSTA SCRITTA

OGGETTO: Azienda Speciale Messina Social City, obbligo di assunzione dei lavoratori appartenenti alle categorie protette.

Il sottoscritto Paolo MANGANO, nella qualità di Consigliere Comunale della città di Messina del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle,

premesso che:

-L’Azienda Speciale “Messina Social City” allo stato conta oltre 500 dipendenti;

-La legge 68/99 – Norme per il diritto al lavoro dei disabili – obbliga  tutte le aziende con oltre 50 dipendenti ad assumere un numero di persone svantaggiate, calcolato in base ai lavoratori in forza ed in particolare:

  • il 7% di persone disabili;
  • l’1% di familiari degli orfani e dei coniugi di coloro che siano deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio, nonché dei profughi rimpatriati e vittime del terrorismo.

Considerato che:

– Ai sensi dell’art.9 della citata legge 68/99 i datori di lavoro devono presentare agli uffici competenti la richiesta di assunzione entro sessanta giorni dal momento in cui sono obbligati all’assunzione sei lavoratori disabili;

– Che tale obbligo di legge, per la suddetta Azienda Speciale, decorre dal 1 Marzo 2019;

INTERROGA

il Sig. SINDACO, per sapere:

Quanti siano  i lavoratori assunti dalla social city che presentano i requisiti dettati dalla suddetta legge;

Quando intende porre in essere tutti gli opportuni atti politici ed amministrativi e sollecitare la Messina Social City ad attivare, entro il 2 maggio 2019, la procedura di assunzione dei lavoratori appartenenti alle categorie protette, assolvendo agli obblighi previsti dalla normativa vigente.

f.to Paolo Mangano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *