SPADAFORA: l’arenile dimenticato, tra fogna e degrado ed il turismo che non c’è. Pistone, “una vergogna segnalata inutilmente”

Spadafora (Me), 11 febbraio 2019

Il Comune di Spadafora possiede un lungomare ed una spiaggia la cui grandezza farebbe invidia al litorale messinese. Qui non esiste il problema del ripascimento o perlomeno è lontano per importanza rispetto a quello sofferto da molte zone messinesi. Spiaggia spaziosa e adatta ad ospitare un potenziale fiorente turismo che potrebbe, da solo e non solo nel periodo estivo, produrre quanto basta per risollevare economicamente le sorti di un paese in forte crisi e lontano dai fasti di un tempo.

Ma nulla viene fatto, ormai da anni, non solo per valorizzare il lungomare, come ad esempio insegna l’esperienza della vicina Venetico. Anzi, il lungomare di Spadafora si presenta letteralmente abbandonato, tra immondizia, docce distrutte, panchine fracassate, strutture in decadimento ed una fogna a cielo aperto più volte segnalata dal consigliere comunale del Gruppo Misto Lillo Pistone.

Ho più volte segnalato il degrado del nostro lungomare che invece di essere fonte di turismo e sviluppo per il nostro paese è solo motivo di vergogna. Immondizia ed abbandono e quella fogna che scorre a cielo aperto fino alla riva. Più volte segnalata nessuno dell’amministrazione è mai intervenuto. E’ una vergogna che Spadafora non può più permettersi”, a dirlo Lillo Pistone, che annuncia l’ennesima interrogazione al sindaco ed alla Giunta. “Si intervenga subito per risolvere il problema che ormai da mesi sembra dimenticato, ma che è sotto gli occhi di tutti i cittadini. Una fogna maleodorante che scorre a poche centinaia di metri dal palazzo comunale. Da questo primo intervento auspichiamo possa rinascere il nostro lungomare, per il bene di tutti cittadini spadaforesi. Se l’amministrazione comunale non è in grado di intervenire allora si faccia da parte una volta per tutte ed ammetta la propria incapacità ”, ha concluso Lillo Pistone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *