Terremoti: presidente Centro Studi Nazionale Geologi “Molti comuni non hanno piani di emergenza”

Roma, 26 dicembre 2018

Il terremoto della scorsa notte è un evento che non ha nulla di eccezionale perchè i terremoti nell’area etnea hanno sempre una media-bassa magnitudo e una profondità ipocentrale abbastanza bassa. Questo significa che l’energia si distribuisce in una superficie molto ridotta, diversamente dai terremoti tettonici, come quello di Messina del 1908 o del Belice, hanno una magnitudo inferiore“.

Così Fabio Tortorici, presidente siciliano della Fondazione Centro Studi del Consiglio nazionale dei geologi secondo il quale tuttavia, seppure i segnali vanno verso un declino della fase eruttiva “forse questo terremoto non ha liberato tutta l’energia conservata nei dotti magmatici”.

Tortorici lancia un allarme: “Se quanto sta accadendo non mi stupisce da un punto di vista geologico e sismologico, mi stupisce invece che malgrado questi eventi distruttivi tanti comuni non siano dotati dei piani di emergenza comunale. Si è partiti inoltre in ritardo con gli studi di microzonazione sismica che permette di stabilire come una struttura già realizzata o da progettare possa rispondere a un terremoto

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: