Teatro: Le stanze di Ulrike al Biondo

A Palermo dal 21 novembre lo spettacolo di Silvia Ajelli

Palermo, 19 novembre 2018

Silvia Ajelli è autrice e interprete dello spettacolo ”Le stanze di Ulrike”, diretto da Rosario Tedesco, che debutta mercoledì 21 novembre alle 21 nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo, che lo produce in collaborazione con le Orestiadi di Gibellina. Repliche fino a domenica 25 novembre.
A cinquant’anni dal 1968, lo spettacolo ricostruisce la vicenda personale, storica e politica di Ulrike Meinhof, giornalista tedesca e attivista che a partire proprio dal ’68 orientò il suo pensiero verso una posizione sempre più radicale, fino ad entrare in clandestinità e a votarsi alla lotta armata contro il proprio paese, la Repubblica Federale Tedesca, diventando membro attivo della RAF, Rote Armee Fraktion (Frazione dell’Armata Rossa), comunemente nota come Banda Baader-Meinhof.
Le stanze di Ulrike racconta il processo di radicalizzazione della giornalista, dall’indignazione per la guerra in Vietnam e il dilagare dell’imperialismo americano alla protesta a fianco del movimento studentesco; dalla difesa dei diritti delle donne alle contestazioni contro la politica repressiva del governo tedesco, fino alla proclamazione della lotta armata. Accusata, insieme agli altri membri della RAF, di quattro omicidi e 34 tentati omicidi fu processata, incarcerata e infine vittima, insieme ad alcuni compagni, di una morte violenta le cui cause non furono mai del tutto chiarite. Lo spettacolo non intende dare un giudizio storico o politico, ma raccontare la storia singolare di una donna che, da intellettuale e giornalista impegnata politicamente, decide di abbandonare la sua identità professionale e il suo ruolo di donna e di madre per dedicarsi alla lotta armata. Cinquant’anni dopo il ’68, in un contesto storico e sociale apparentemente molto distante da quello di allora, l’autrice e il regista si interrogano sulle dinamiche ideologiche ed esistenziali che possono condurre alla violenza. (Fonte ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *