De Luca a Roma – Incontro con il direttore generale Ministero Trasporti. Il Sindaco “avvieremo progetto per nuovi fondi per TRAM”

Dismissione attuale tram, nuovo tracciato e conversione a tracciato non protetto o filobus.

Roma, 24 ottobre 2018

Continua il viaggio romano del sindaco di Messina Cateno De Luca e del suo staff composto dal vicesindaco Mondello, dell’assessore Previti con la presenza del presidente del CDa di ATM Campagna. Oggi il sindaco si è recato presso il Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti ed ha incontrato il Direttore Generale Angelo Maudone e il suo staff della direzione generale per i sistemi di trasporto ed impianti fissi per il trasporto pubblico locale.

“Dopo due ore di serrato confronto – scrive il sindaco De Luca –  siamo giunti ad una ottima soluzione: faremo velocemente un progetto per attingere ai fondi che ogni anno vengono messi a disposizione per il sistema di trasporti rapidi locali di massa (2 miliardi di euro annui). Le conclusioni sono le seguenti:
1. dismissione di questo tram e liberazione del water front;
2.riqualificazione e rivitalizzazione dell’attuale percorso;
3.nuovo tracciato che comprende anche il polo universitario dell’ANNUNZIATA e la stazione di gazzi della metroferrovia;
4.nuova tipologia di trasporto urbano con sistema tranviario su tracciato non protetto o filobus (la discussione merita un breve approfondimento);

Le risorse per la cura del ferro (11 milioni ) e de master plan (25 milioni ) serviranno per cofinanziare la proposta che si aggirerà a circa 200 milioni di euro. In base al bando del ministero (fondo investimenti comma 1072 legge 232/2016)già pubblicato a marzo e che scadrà il prossimo 31 dicembre, le proposte che conterranno un cofinanziamento (cura del ferro e master plan ) ed un progetto esecutivo saranno valutati con priorità rispetto agli altri”.

De Luca ha così annunciato l’intenzione di avviare subito la procedura amministrativa per preparare una apposita proposta ed il progetto allegato da presentare per usufruire di questi fondi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *